Menù

Image Map

lunedì 14 aprile 2014

#sensomieiviaggi - Aria, acqua, terra e ... fuoco, le strade dei miei viaggi

Buongiorno,
grazie a Monica di Viaggi e Baci che ci propone un'altra volta uno spunto di riflessione sul tema "Il senso dei miei viaggi", l'argomento di oggi è "Le strade dei miei viaggi".

Cercherò di dare la mia personale visione usando le sole tre foto consentite.

Aria, acqua, terra e fuoco, ne parlavano già i Presocratici ed Empedocle li chiamava "rizòmata", radici di tutte le cose, tutto parte da qui e tutto arriva qui.

Dall'unione di questi elementi abbiamo la nascita e dalla loro separazione la morte.
Ma nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma.
E la trasformazione è la vita, la lunga strada che ci porta lontani in questo nostro viaggio, in tutti i viaggi.

ARIA

Le strade dei miei viaggi, ARIA (Volo Milano - Chicago)
Tranquilli, non voglio discutere di filosofia, voglio solo prenderla come spunto per parlare delle mie strade nei miei viaggi.

Aria, ultimamente il mio viaggio comincia spesso da qui, con un volo che mi porta oltreoceano per raggiungere persone care.

Adoro viaggiare in aereo, mi ha sempre affascinato, da piccola guardavo per aria e sognavo, sognavo di prendere uno di quei giganti del cielo per andare lontano, in posti misteriosi incontro a nuove avventure.
Erano altri tempi, volare non era così comune come oggi ma il fascino che esercita un volo in aereo su di me è lo stesso di allora.

Mi piace stare sospesa in alto, guardare sotto di me montagne innevate, candide nuvole, oceani sconfinati, luminose città.

E l'essere sospeso non è solo una questione fisica, anche il tempo durante il volo è sospeso.
Siamo in un "non luogo", il passato è alle spalle, migliaia di chilometri indietro, ed il futuro non c'è ancora, è a migliaia di chilometri avanti.
Siamo sospesi in un presente ovattato come le nuvole che ci circondano, impossibilitati a tornare indietro e proiettati verso un luogo che al momento possiamo solo immaginare e sognare.

Il volo è attesa, è desiderio, è immaginazione.

ACQUA

Le strade dei miei viaggi, ACQUA (Traghetto Genova - Olbia)
Anche l'acqua è una strada, una strada che ti porta lontano, meno dell'aria ma comunque lontano.

Un viaggio lungo, generalmente più lungo di un volo, ma lo scopo è sempre quello, lasciare momentaneamente alle spalle la scia del nostro passato e puntare la prua verso il futuro.

Siamo nel mondo di mezzo, un mondo liquido in cui si galleggia in attesa di arrivare alla meta.
Anche qui l'attesa, ogni viaggio è attesa.

Su questa strada ti senti solo, davanti e dietro di te solo l'orizzonte, il nulla prima e dopo e sotto di te un abisso profondo e misterioso.

Non amo particolarmente viaggiare per mare, non mi sento a mio agio, l'acqua non è il mio elemento preferito, trovo scomode le traversate, sono lunghe e noiose ma devo ammettere che regalano panorami stupendi, si possono vedere scorci altrimenti inaccessibili.

Sull'acqua puoi vivere la bellezza di un tramonto "da dentro", non sei solo uno spettatore, ne sei parte.
La luce dorata si riflette e ti colpisce di ritorno, sono momenti magici che si possono fermare con uno scatto.
(E qui ci starebbe bene un'altra foto ma ne ho solo tre a disposizione e due me le sono già giocate).

TERRA

Le strade dei miei viaggi, TERRA (Croazia, isola Dugi Otok)
L'uomo è un animale terrestre, non c'è dubbio, siamo nati con i piedi non con le ali o le branchie e la terra è il nostro elemento naturale, quello in cui ci troviamo più a  nostro agio.

Le strade della Terra sono le più disparate, autostrade, camminamenti in montagna, stretti vicoli o grandi arterie illuminate ma hanno tutte una cosa in comune, la loro funzione, ti portano da un luogo all'altro.

Chilometri da percorrere per raggiungere la meta, in questo viaggio su ruote non siamo più solo spettatori come nei casi precedenti ma anche attori.

Qui possiamo guidare noi, possiamo decidere di cambiare direzione, di fermarci o addirittura di tornare indietro.
Abbiamo un contatto diretto con l'ambiente che ci circonda, possiamo fermarci per scattare una foto o per respirare l'aria fresca e pura, tutto è reale e raggiungibile, non c'è un prima ed un dopo ma un durante.

Se non mi piace molto viaggiare per mare, non mi piacciono molto neppure i lunghi viaggi in macchina, li trovo stancanti, a volte noiosi  e monotoni, soprattutto in autostrada, non riesco a godermeli in pieno, sono appena partita e vorrei essere già arrivata.

E non parliamo della paura di sbagliare strada!
Come quella volta che stavamo raggiungendo Zadar per imbarcarci per Dugi Otok (foto sopra) e ci siamo persi in Slovenia, siamo stati salvati da due turisti austriaci che ci hanno dato le indicazioni in tedesco (per fortuna mio figlio lo parla, altrimenti eravamo ancora là).
D'accordo, oggi c'è il navigatore ma mi è antipatico, continua a dirmi "Ricalcolo".

Devo ammettere comunque che viaggiare in auto ha i suoi lati positivi, come dicevo prima ti puoi fermare per una foto o per sgranchirti le gambe, ti puoi portare più bagaglio che in aereo, puoi decidere quando ed a che ora partire.
Ma potendo scegliere scelgo atri tipi di viaggio.

FUOCO

Vi starete chiedendo cosa c'entra il fuoco ....

C'entra eccome perché il fuoco è il comune denominatore di tutti i viaggi, di qualunque tipo siano, il fuoco è la passione, è l'amore per il nuovo, il diverso, lo sconosciuto, è qualcosa che ti infiamma e che ti spinge a partire, è quella cosa che appena rientrata ti fa sognare un nuovo viaggio.

Come avrete capito io sono un tipo ARIA e voi di che viaggio siete?

Ciao, alla prossima

26 commenti:

  1. Ma come hai ragione, Norma :-) Il volo è attesa, è desiderio, è immaginazione....anch'io adoro volare e non vedo l'ora di stringere tra le mani i prossimi biglietti (al plurale perchè siamo in tre). Ho l'impressione che dietro al #Senso dei miei viaggi ci siano un sacco di persone interessanti!
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Per dove i biglietti e quando?
      Io mi sto già gustando il mio lungo viaggio verso Chicago di sabato.
      Di solito viaggio da sola, mio marito è un pantoffolaio e prende la scusa che non si può lasciare da sola mia mamma mentre lei non vede l'ora di liberarsi di noi.
      Concordo, con #Senso dei miei viaggi ho conosciuto tante persone che seguo costantemente perché mi sono piaciute molto.

      Elimina
  2. Bel post! E originale lo spunto dei quattro elementi presocratici. Ciao e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta che ti sia piaciuto, è piaciuto anche a me mentre lo scrivevo
      Ciao

      Elimina
  3. Che meraviglia questo viaggio attraverso i 4 elementi!
    Io sono decisamente per i viaggi via terra, magari da fare in luoghi in cui sono arrivata via mare o via aria! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io nonostante sia un segno di fuoco, adoro l'aria, mi fa sentire libera, leggera ...
      Ciao

      Elimina
  4. bell post!! Io però all'opposto odio i viaggi in aereo, mi piacciono i viaggi in nave e adoro i viaggi in macchina, anche quando sono lunghi!! Però una cosa ce l'abbiamo in comune: siamo entrambe state a Dugi Otok!! :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, quando ci sei stata? Come ti sei trovata?
      Siamo diverse ma ci piacciono i viaggi lunghi.
      Ciao

      Elimina
  5. Risposte
    1. Grazie, sono contenta che ti siano piaciute
      Ciao

      Elimina
  6. Ciao un bel post. E poi che bella idea quella di unire aria,acqua,terra e fuoco. Brava

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono contenta che la mia idea ti piaccia, io mi sono divertita molto a scriverla, mi sono immersa in questi elementi
      Ciao

      Elimina
  7. Ma sai che tanti mesi fa il tema era stato proprio "gli elementi dei miei viaggi"???
    Mi piace questa interpretazione e come sempre bellissime anche le parole ...
    E per rispondere alla tua domanda, io vorrei essere una viaggiatrice
    - d'aria per arrivare in Cappadocia in mongolfiera
    - d'acqua per visitare la Grecia in barca a vela
    - di terra per fare il giro dell'Olanda in bicicletta
    Ecco svelati i miei sogni per le prossime strade da intraprendere in viaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non ti conoscevo ancora, meno male che ho rimediato.
      Bella la Grecia in barca a vela, favolosa la Cappadocia in mongolfiera, un po' meno per i mei gusti l'Olanda in bici
      Ciao

      Elimina
  8. Davvero una bellissima selezione di strade, complimenti!!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ci saranno tante altre strade, almeno spero e spero di raccontarle tutte
      Ciao

      Elimina
  9. Che bella interpretazione del tema! Io amo l`acqua, anche la terra, soprattutto in treno, meno l'aria perché ho un po' paura ma vado lo stesso. Prego tutto il tempo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io al contrario quello che amo meno è il treno ma basta viaggiare e mi adatto a tutto
      Ciao

      Elimina
  10. Che bella interpretazione del tema! Io amo l`acqua, anche la terra, soprattutto in treno, meno l'aria perché ho un po' paura ma vado lo stesso. Prego tutto il tempo...

    RispondiElimina
  11. ciao
    uno dei post migliori che ho letto la settimana scorsa: http://haylin-robbyroby.blogspot.it/2014/04/top-of-post-21-aprile-2014.html
    Buona Pasquetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi segnalato
      Sono contenta che ti sia piaciuto, peccato che Monica ci pone il limite delle 3 foto (ma forse è meglio così altrimenti chissà quante se ne trova) altrimenti mi sarei sbizzarrita
      Ciao

      Elimina
  12. ciao Norma
    non avevo ancora avuto tempo di vedere le tue foto ... bellissimo il riferimento ai quattro elementi.
    La prima foto mi piace tanto, anche a me piace volare e 10 ore di volo non sono un problema, mi piace proprio tanto anche guardare il cielo, guardare gli aerei e pensare quale potrebbe essere la loro destinazione ... e poi li saluto!!! ma sarà mica normale!!!
    buona domenica Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta viaggiatrice del cielo senza le ali come me.
      Io ancora adesso sono sempre col naso per aria a guardare gli aerei e pensare che lavoro in un aeroporto, ormai mi è venuta la cervicale a forza di guardare per aria
      Ciao

      Elimina
  13. Aria, sì per la comodità di raggiungere luoghi lontani altrimenti irraggiungibili! Acqua, proprio no: per forza di cosa abitando su un'isola siamo costretti a percorrerla, ma solo per pochi minuti, non sopporto la nave... Insomma preferisco la terra! Magari con un bel panorama come nella tua foto croata. Le mie foto infatti sono tutte di viaggi on the road, in Irlanda, Islanda e Alsazia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la terra, lo ammetto rivela bellissimi scorci se li sai guardare, me tue mete sono bellissime, se dovessi scegliere tra le vie di terra sceglierei la Route 66 che tra l'altro parte da Chicago.
      Ah, saluti da Chicago.

      Ciao

      Elimina