Menù

Image Map

martedì 15 ottobre 2013

Staffetta di Blog in Blog 15 Ottobre : Strega o Fata?

Buongiorno ritorna l'appuntamento mensile con la Staffetta di Blog in Blog

La Staffetta è una iniziativa dedicata ai bloggers che partecipano scrivendo un articolo su un argomento che viene scelto attraverso un meccanismo di votazioni ed il giorno 15 del mese alle ore 9.00 in contemporanea tutti i bloggers partecipanti pubblicano il loro post.
Il tema di questo mese è particolare, è una domanda : "Strega o Fata?"
Io voglio pormela questa domanda, come mi sento? Mi sento positiva o negativa o un po' e un po'?
Ma è proprio vero che una Fata è sempre un personaggio positivo ed una Strega sempre negativo?

Proviamo ad approfondire questo argomento.

Vi va di venire con me in questo mondo fatato?
Sì? Allora forza, entriamo!



(Foto : la Fata è un tube di Willeke, la strega è un'immagine di Linmida mentre lo sfondo è un mio dipinto su ceramica, "Paesaggio in verde")

La Fata è una creatura sovrannaturale, di umano ha solo l'aspetto, ha ereditato le caratteristiche delle Ninfe e delle Parche.
E' uno spirito naturale che come le Parche presiede al destino dell'uomo, è uno spirito della Natura.

Le Fate sono tutte di sesso femminile ed hanno caratteri diversi tra loro, non sempre sono buone, sono irascibili e permalose e se si arrabbiano possono diventare vendicative.

Le Fate vivono in un regno incantato difficilmente visibile agli occhi umani, ogni cultura ha collocato questo regno in un posto diverso ma sempre vicino all'acqua.
In questi regni tutto è pace e felicità, non esiste malattia e vecchiaia e tutto prospera in abbondanza.

(Foto : per lo sfondo ho usato una mia foto delle Gole di Samaria a Creta mentre l'immagine della Fata è un tubes di Heidis Design)


























La Strega secondo il Cristianesimo è una donna dotata di poteri occulti legata al Demonio, ma l'origine di questa figura risale molto più indietro nel tempo e rappresenta una donna capace di veicolare le forze della natura attraverso filtri e pozioni, una sorta di sciamanesimo, il suo omonimo maschile è lo Stregone.

Ma la Strega non è sempre "cattiva", può essere una donna saggia che conosce le virtù degli elementi naturali e li usa per guarire, questa è la Strega bianca contrapposta alla Strega nera che si adopera per causare il male alle persone.

Nell'iconografia popolare sono spesso raffigurate nell'atto di filare o fare nodi per indicare che possono tenere in mano le fila del nostro destino, anche in questo caso un riferimento alle Parche.

Esiste un'altra figura molto affine alla Strega, la Maga che non nasce con le doti della Strega ma le impara.


(Foto : per lo sfondo ho usato una mia foto del Parco di Plitvice in Croazia, per la strega un'immagine di Nagi Monika (isabo))

Come si può dedurre da queste descrizioni, le Fate e le Streghe non sono poi così lontane, non sono personaggi agli antipodi, ci sono dei punti di sovrapposizione.
Tutte e due hanno poteri sovrannaturali, tutte e due presiedono al nostro destino e sia tra le une che tra le altre troviamo le "buone" e le "cattive".

Ma anche noi donne abbiamo poteri sovrannaturali, pensateci un po'.

Non è forse vero che sappiamo leggere il cuore delle persone che amiamo?
Siamo capaci di moltiplicare il tempo riuscendo a fare l'impossibile in una manciata di ore, facciamo miracoli per portare avanti casa e lavoro ed a volte per arrivare alla fine del mese, sappiamo risollevarci da ogni caduta più forti di prima, ci reinventiamo in mille modi adattandoci alle situazioni che la vita ci pone davanti.

Scusate se è poco!
Ma non è poco, questi sono solo alcuni esempi dei poteri che ognuna di noi possiede, per cui siamo anche noi Fate o Streghe.

Ma che cosa fa pendere l'ago della bilancia più da una parte che dall'altra?
Cosa ci fa essere più Fata che Strega?
Ho provato a farmi questa domanda ma non è facile trovare la risposta.

Per un attimo, ma solo per un attimo, ho pensato di chiederlo a chi mi conosce bene, ma ho subito allontanato questo pensiero, è passato troppo tempo da quando qualcuno mi ha detto "Sei la mia Fata!" (ma poi qualcuno me l'ha mai detto?) quindi potevo ben immaginare cosa mi avrebbero risposto.
Allora devo risolvere questo enigma da sola.

Innanzi tutto come mi sento io?

Umana, molto umana, con i miei pregi ed i miei difetti, con i miei limiti e con le mie qualità, con i miei pensieri molto terreni ma con lo spirito che vola, sulle ali di una musica antica, lontano verso luoghi immateriali, fantastici e fatati, un mondo fatto di sogni dove tutto è luce e serenità.


(Foto : Rose freebie di Stampgram's Studio, spartito freebie di Farfarhill, farfalla di Natali Design mentre il castello di Neuschwanstein è una mia foto)

La mente vola ma il resto è ben ancorato a terra, alle radici che dal presente affondano nel passato, quel passato che ha fatto di noi quello che siamo oggi.
Quelle radici che hanno permesso alla pianta di germogliare e di dare frutti buoni, sani.
Ben salda su quella Terra che ha nutrito i miei avi e che con le sue erbe, attraverso la conoscenza di donne sagge, ha guarito persone ed animali.

Ecco come mi sento, in bilico tra due mondi, quello terreno fatto di cose quotidiane e di problemi da risolvere, purtroppo senza l'aiuto di filtri ed incantesimi, e quello della fantasia dove tutto è possibile.



(Foto : la Fata è un tube di Willeke, la strega è un'immagine di  Nagi Monika (isabo)il castello di Neuschwanstein è una mia foto ed il bosco è una mia foto del Parco di Plitvice in Croazia)

Per cui ponendomi la domanda "Come mi sento io?" non ho trovato una risposta, proviamo allora con un'altra domanda, "Cosa vorrei essere io, Strega o Fata?"

Sarebbe troppo facile rispondere "Fata", un regno sereno, senza dolori, dove essere giovani e belle in eterno, ma vorrebbe dire rinnegare le mie radici, vivere in un mondo isolato, nascosto e forse, diciamocelo, anche un po' noioso.

Allora Strega? Sapere incantare, usare la potenza della natura e conoscerne tutti i segreti, sì, forse si potrebbe fare ma dovrei essere sicura di avere la forza di usare le mie doti per il Bene e non per il Male e dato la natura umana della Strega forse non sempre è facile, è umano sbagliare, e potrebbe essere molto pericoloso.
E poi chi è diverso è emarginato, voglio essere guardata con rispetto ma anche con paura?
E meno male che ai giorni nostri non c'è più l'Inquisizione!

E allora?

Allora ho deciso!

Siete curiosi?

Non ve lo dico subito, venite a scoprirlo



Vi ringrazio di avermi seguito fino a qui e, adesso che avete scoperto se sono Strega o Fata, perché non andate a vedere come hanno svolto il tema gli altri componenti della Staffetta?
Troveremo più Streghe o Fate?


Elenco partecipanti:

1. Alessia scrap & craft - http://www.4blog.info/school
2. La Torre di Cotone - http://www.latorredicotone.com/
4. Norma - Voglio il mondo a colori - http://voglioilmondoacolori.blogspot.it
5. Ilde Garritano - mammma di Ludovica - www.mammadiludovica.com
7. Samanta Giambarresi - http://samantagiambarresi.wordpress.com/
11 - Design Therapy -http://www.designtherapy.it/
12. Simona- traboccante d'azzurro-http://disoleediazzurro.wordpress.com/
15. Francesca Menghi - http://www.ilcaffedellemamme.it
26.NuvolositàVariabile http://www.nuvolositavariabile.com/




14 commenti:

  1. Vedo che anche in questo post siamo in sintonia, in questo nostro mondo di mezzo! Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
  2. Cara Norma, che bel post! pieno di storia e curiosità! L'ho letto a voce alta a mia figlia, che è ancora piccola per capire le parole, ma le piace starmi accanto mentre sono al pc! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  3. Molto affascinante il tuo post, abbiamo avuto dei pensieri simili sui poteri soprannaturale di noi donne!Siamo una forza della natura, con qualsiasi nome vogliamo chiamarci!:-)

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post, affascinante. Io amo da sempre il mondo fantasy ed è vero, le fate possono essere permalose e vendicative!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  5. Bello questo post! Molto interessante
    ciao

    RispondiElimina
  6. anch'io in perfetta sintonia con te Norma
    sto bene nel mondo di mezzo...
    grazie del tuo post così approfondito!

    RispondiElimina
  7. uhmmm...siamo un pò tutte e due...in ognuno di noi c'è un pò di fata e di strega e forse e anche giusto così:)

    RispondiElimina
  8. E se io fossi una strega fatata!? :-)

    Cara Norma, apprezzo moltissimo tutti i tuoi commenti ed è per questo che oggi ti ho menzionata sul mio post della rubrica che ti piace tanto.
    Grazie...

    RispondiElimina
  9. Ciao Norma, bellissimo il tuo post... mi hai fatto scoprire anche tante cose nuove: ora guardo con un po' di diffidenza le fate e un po' più di tenerezza le streghe, perchè è vero che i loro mondi non sono poicosì lontani!
    Baci

    RispondiElimina
  10. Ciao Norma, che bello questo post. Grazie! =)
    Daniela

    RispondiElimina
  11. Bellissimo post! E mi hai fatto tornare in mente che c'era uno che mi chiamava Fata e quei tempi non mi mancano proprio per niente ;)

    RispondiElimina
  12. Hai descritto Morgana! Lei non era né strega né fata :-) W il mondo di mezzo, si!

    RispondiElimina
  13. Great topic and very interesting, thanks for posting .
    Nice, please continue to bring up beautiful topics
    .

    RispondiElimina