Menù

Image Map

lunedì 16 settembre 2013

Focaccia di Recco

Buongiorno,
oggi per la rubrica "La ricetta della domenica" volevo farvi vedere la prova che ho fatto ieri per riprodurre la mitica Focaccia di Recco.

Niente di più semplice e niente di più complesso nello stesso tempo, ingredienti pochi ma cottura non facilmente riproducibile con i metodi casalinghi.

Ripercorrendo il bel week end trascorso da poco a Recco non potevo non cercare di fare questa focaccia che è diventata il simbolo della città, ovviamente nel mio caso la versione deve essere gluten free.

A Recco (e non solo) fanno ovunque questa meravigliosa focaccia ma i posti migliori dove mangiarla sono la Pizzeria del Ponte e Manuelina che ha anche pubblicato la videoricetta  dove viene spiegato il procedimento passo per passo.

Antonio e Francesca, che conoscono bene il posto e che ci hanno fatto da guida turistica in quei giorni, ci hanno portato alla Pizzeria del Ponte dove sotto i nostri occhi preparavano e cuocevano la famosa focaccia.

Come dicevo gli ingredienti sono semplici, acqua, farina, olio e sale per la focaccia e stracchino (la ricetta originale prevede solo Invernizzina) per il ripieno, la difficoltà sta nella cottura che deve essere brevissima ed ad altissima temperatura, 300°, per permettere al formaggio di sciogliersi senza cuocere (altrimenti diventa grumoso ed asciutto).
Per facilitare la cottura la focaccia viene cotta in una teglia di rame che conduce meglio il calore,  la teglia si può acquistare nei negozi di Recco (che quel giorno erano chiusi per ferie, purtroppo).

Ma entriamo nei dettagli

Ingredienti :

300 gr di farina (io ho sostituito la manitoba con la farina Piaceri Mediterranei per pane e pizza)
150 gr di acqua
20 gr di olio
Sale
2 confezioni di Invernizzina

Procedimento : 

Per la versione gluten free ho seguito i suggerimenti e le dosi di Un cuore di Farina Senza Glutine, il top del Blog per chi deve cucinare senza glutine.

Lavorare la farina con l'acqua, l'olio (ho acquistato appositamente un olio  ligure) ed il sale impastando bene fino ad ottenere un panetto morbido ed elastico
lasciarlo riposare coperto per mezz'ora.


Trascorso il tempo necessario per il riposo stendere la pasta in una sfoglia sottilissima.
Con la farina tradizionale dopo un primo passaggio col mattarello, si prosegue tirandola a mano come si fa anche per la pizza, con le farine senza glutine questo passaggio non è possibile.

Io l'ho stesa direttamente sulla carta da forno per facilitare il trasporto nel forno.
Dato che non avevo la teglia di rame, ho utilizzato come base di cottura la placca del forno.


In una metà della sfoglia disporre il formaggio in tanti piccoli mucchietti ordinati.


Ricoprire con l'altra metà della sfoglia, pressare bene i contorni per far aderire, formare dei buchi sulla superficie (camini) per far sfiatare durante la cottura, irrorare con un po' di olio e salare leggermente.

Informare a forno caldo alla massima temperatura per 10 minuti.
La ricetta originaria vuole che la cottura della focaccia sia di 7-8 minuti, questo è  il giusto tempo in cui il formaggio si scioglie senza cuocere ma non avendo un forno che raggiunge una temperatura così elevata la cottura deve essere prolungata.
Comunque 10  minuti con la sfoglia tirata così sottile è il giusto compromesso tra la cottura della pasta e quella del formaggio.

Focaccia di Recco
Per essere il primo tentativo, con farina dietoterapica, senza teglia e forno a temperatura più bassa, devo dire che i risultati sono più che soddisfacenti, sono ottimi, si può ancora perfezionare, è vero ma sono proprio soddisfatta.

Quella della pizzeria era più morbida ed il formaggio colava letteralmente fuori dalla sfoglia e sono stata tentata dopo tanto tempo a "peccare" mangiandomi una bella fetta (ma ho resistito, con fatica ma ho resistito).

Ecco le foto dell'originale, sia in versione classica che in quella condita con pomodoro, olive e basilico, la "Pizzata".


Focaccia di Recco, l'originale
Focaccia di Recco, la "Pizzata"
Provatela, ve la consiglio, anche nella versione senza glutine.

Ciao, alla  prossima

Con questo post partecipo al Linky Party di Topogina 


12 commenti:

  1. miiii che buona che è la focaccia di recco.. acc cosa darei per averne un pezzo ORA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' veramente buona, anche a me viene fame se ci ripenso
      Ciao

      Elimina
  2. Grazie NOrma per essere passata dal mio blog... e intanto mentre sbircio nel tuo scopro questa bellissima ricetta... che mi mette un'acquolina in bacca che non immagini... quasi quasi... Elisa

    RispondiElimina
  3. A vederla viene l'acquolina in bocca!!! Deve essere squisita, voglio provarla!!
    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me viene l'acquolina in bocca solo riguardando la mia foto.
      Ciao

      Elimina
  4. Ciao Norma, io vado pazza per la focaccia di Recco e più volte ho tentato di farla a casa... Purtroppo il forno fa tanto e il mio non è un granché :( Proverò a rifarla anche seguendo le tue dosi, dalle foto sembra proprio bella e sottile come l'originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho fatta usando la farina senza glutine per cui le dosi sono per quel tipo di farina, se vai sul video di Manuelina ti danno le dosi per le farine "normali".
      Sto pensando di comprarmi la teglia in rame
      Ciao

      Elimina
  5. grazie per questa ricetta, la proverò sicuramente

    arrivo dal Linky Party di Alex

    RispondiElimina
  6. Dev'essere una squisitezza! =)
    Daniela

    RispondiElimina